Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)
www.meravoglia.com

CUORE E CIRCOLAZIONE

Oltre che per dimagrire e depurarsi, le tisane possono essere delle valide alleate anche per migliorare la circolazione. Il potere naturale delle erbe e delle piante officinali è straordinario e proprio per questo sempre più persone hanno scelto di integrare nel proprio stile di vita l’assunzione di tisane per il cuore, che stimolano un corretto flusso sanguigno. Tisane terapeutiche per la circolazione: benefici e quali scegliere Come per tutti i disturbi, le tisane e gli infusi non possono essere la cura principale, ma si rivelano dei validi alleati di un percorso più ampio, che comprende molto spesso una dieta sana e bilanciata, oltre allo svolgimento di attività fisica regolare. Questo non vale solo per le tisane drenanti e per quelle contro lo stress, ma anche per le tisane per la circolazione. Si tratta di miscele di erbe e piante officinali che preservano la salute dei vasi sanguigni, prevengono l’irrigidimento delle arterie, fluidificano il sangue e limitano l’accumulo di lipidi. Oltre alle piante officinali, ci sono anche i frutti rossi che sono naturalmente ricchi di antiossidanti e combattono i radicali liberi, migliorando quindi il microcircolo: mirtilli di ogni tipo, ribes, more e lamponi possono essere assunti ogni giorno, sia da chi soffre già di problemi di circolazione, sia invece da chi li vuole prevenire. Non solo come frutta fresca, ma anche come tisane: Natura d’Oriente infatti propone una vasta scelta di infusi a base di frutti rossi, da bere in acqua calda, perfetti per migliorare in modo naturale la circolazione sanguigna. Tra queste ci sono le tisane a base di mirtilli rossi e blu, more, lamponi, ribes, bacche di sambuco, ibisco e uvetta. Alcune sono gustose da bere fredde in estate per rinfrescarsi, ma soprattutto per idratarsi, aiutando in questo modo anche l’organismo ad eliminare le tossine. Si tratta di infusi generalmente senza teina, idonei quindi anche a chi non vuole o non può assumere sostanze che stimolano il sistema nervoso.